Torna all’elenco

Come usare il laser diodo nella zona del baffetto: consigli per estetiste

Introduzione

Nel mondo dell’estetica, l’attenzione ai dettagli è ciò che distingue i professionisti veri e propri. Come professionista della bellezza devi occuparti ogni giorno dei dettagli, di ogni singola parte del corpo delle tue clienti, per ognuna di queste c’è un’accortezza da avere, un consiglio da dare, un inestetismo da risolvere.

Quando si parla di laser per epilazione la stessa cura vale per ogni tipo di pelo, l’approccio con le sedute di epilazione e con i trattamenti in cabina abbinati ai consigli per la corretta beauty routine domiciliare devono essere mirati e pensati in base alla situazione valutata ad ogni seduta.

Oggi, concentriamoci su come utilizzare al meglio la tecnologia laser su una zona dove il pelo è antiestetico per eccellenza: i peli della zona perilabiale.

Come Affrontare i Peli Antiestetici nella Zona del Baffetto

La crescita dei peli in questa zona è spesso influenzata dalle variazioni ormonali, richiedendo un approccio mirato e consigli adeguati in base alla diagnosi. In questa area, possiamo distinguere due tipologie di pelo:

  • Pelo Spesso: Caratterizzato da una crescita irregolare, è spesso duro e profondo, rendendo quasi inutile l’uso della ceretta.
  • Lanuggine Invisibile: Come già discusso nel nostro blog la lanuggine non viene tratta con il laser né viene classificata come pelo da eliminare in quanto il laser non è efficace perché non si parla di pelo vero e proprio ma di “peluria” che non è possibile eliminare totalmente e inoltre non è antiestetica perché è praticamente invisibile.

Suggerimenti Chiave per Trattare il Pelo Spesso

Questa tipologia di pelo alla diagnosi si presenta irto, duro e profondo, quasi resistente allo strappo della ceretta. Affrontare il pelo spesso richiede un approccio strategico e una serie di passi ben definiti da seguire. Ecco alcuni consigli fondamentali da considerare:

  1. Sedute Ravvicinate: il consiglio più importante che possiamo darti è quello di programmare sedute ravvicinate al fine di ottenere i migliori risultati nella zona del baffetto. Se una cliente sta seguendo un percorso total body o sta trattando altre zone con frequenza mensile, dedicare sessioni extra per la zona del baffetto può fare la differenza. Anticipa e ravvicina le sedute, in alcuni casi potresti persino valutare sedute settimanali per massimizzare l’efficacia.
  2. Comunicazione Chiara: Prima di iniziare qualsiasi trattamento, è cruciale comunicare con chiarezza alla cliente il percorso che andrai ad intraprendere. Spiega l’approccio che hai pianificato, il numero di sedute previste e i risultati attesi. Questo aiuterà la cliente a prepararsi e saprà cosa aspettarsi, garantendo una maggiore soddisfazione e fiducia nei risultati.

Conclusioni

L’utilizzo del laser a diodo nella zona del baffetto richiede una conoscenza accurata e un approccio personalizzato. Trattando il pelo spesso con sedute ravvicinate e comunicando chiaramente con le clienti, è possibile ottenere risultati eccezionali. Ricorda sempre di adattare il trattamento alle esigenze di ciascuna cliente, garantendo così la massima soddisfazione e risultati duraturi.

Se desideri approfondire le tue conoscenze sull’epilazione laser o avere ulteriori informazioni su come massimizzare l’uso del laser a diodo nella tua attività, partecipa ai nostri corsi laser cliccando qui.

Contattaci per maggiori informazioni

OZ Training Solution

OZ Training Solution

Scopri il futuro dell'epilazione: il nuovo macchinario Infinity Laser 808nm firmato OZ 🌟

Siamo entusiasti di presentarti l'ultima rivoluzione nel mondo dell'epilazione laser. Infinity Laser 808nm unisce precisione, efficienza e design personalizzabile per offrirti un'esperienza senza precedenti. Tecnologia all'avanguardia per risultati eccellenti con un software avanzato efficace su tutti i tipi di peli. Scopri come puoi trasformare l'epilazione laser nel tuo centro estetico